Bagni di Gong

 

I bagni di Gong sono veri e propri bagni vibrazionali che ci aiutano a ritrovare noi stessi favorendo uno stato di pace interiore profonda. Il termine "bagno" non è utilizzato a caso, infatti ci si immerge in una dimensione sonora avvolgente e intensa. L'efficacia dei suoni a livello terapeutico non è cosa nuova, in India vengono frequentemente impiegati nei rituali di guarigione, partendo dal presupposto che l'uomo è nato dal suono ed è quindi suono egli stesso. 

I bagni di Gong si prefiggono lo scopo di favorire lo stato meditativo, aiutandoci ad accedere alle parti di noi più profonde, superando i limiti del pensiero logico. Infatti i suoni fanno vibrare la parte emozionale, permettono di riaccedere a memorie perdute, di risvegliare sogni e raggiungere una maggior comprensione di noi stessi favorendo la sensazione di essere parte di un tutto. I bagni di Gong possono ripulire ferite emotive .... è come se i suoni emessi massaggiassero la nostra interiorità sciogliendo eventuali energie bloccate, restituendo profondo benessere ed energia favorendo anche l'armonizzazione fra emisfero sinistro e destro del cervello.

Chi lo ha sperimentato assicura di aver provato sensazioni molto piacevoli, come se il corpo (e l'anima) fossero massaggiati e stimolati dal suono. Più ci si abbandona a quest'ultimo, più ci si ripulisce dalle sovrastrutture pesanti e limitanti per la nostra evoluzione. In questo modo è il corpo a ricordare chi siamo, non la mente. Comunque sia, il suono del Gong ha sicuramente un potere terapeutico profondo, particolarmente utile per i soggetti che faticano a lasciar andare la mente logica. Una forma di meditazione alternativa che vale la pena sperimentare visti i benefici che le sono attribuiti da secoli.